mercoledì 23 maggio 2018

Firenze in due giorni



Ero già stata a Firenze circa sette anni fa.
E’ stato uno dei primi viaggi che abbiamo fatto io e Davide insieme.
Ricordo che qualcuno ci aveva regalato uno smart box e avevamo prenotato una notte in un bellissimo agriturismo a Volterra e, con la scusa che eravamo li vicino, abbiamo aggiunto anche un giorno di visita a Firenze.
L’avevamo vista così frettolosamente che mi è sempre rimasta la voglia di tornarci e finalmente lo scorso weekend lo abbiamo fatto in compagnia dei nostri amici Mirko e Viviana!
Questo è il resoconto dei nostri due giorni a Firenze:

SABATO 19 MAGGIO 2018

Siamo arrivati in treno verso le h 10,00 e siccome nessuno di noi aveva fatto ancora colazione come si deve, ci siamo fermati in un bar vicino al nostro B&B, nel quartiere di Santa Maria Novella.




Dopo la colazione ci siamo diretti nell’appartamento che abbiamo affittato, per lasciare gli zaini prima di partire con il nostro tour.

SCALA APARTMENTS
(Via della Scala 57, Firenze)



Situati a 400 metri dalla stazione e a 400 metri da Santa Maria Novella, questi appartamenti sono interessanti soprattutto per l’ottima posizione.
Il palazzo è composto da molti piani e non ha ascensore ma gli appartamenti sono accoglienti, puliti e in buono stato.
Sono completi di tutto: biancheria, lavatrice, lavastoviglie, pentole e stoviglie.
I prezzi sono ottimi e la posizione davvero strategica, una soluzione vantaggiosa soprattutto per chi trascorre a Firenze solo pochi giorni e vuole restare vicino ai principali punti di interesse turistico.


BASILICA DI SANTA MARIA NOVELLA
(Piazza Santa Maria Novella, Firenze)
apertura: lun-gio dalle 9,00 alle 17,30 / ven dalle 11,00 alle 17,30 / sab dalle 9,00 alle 17,30 / dom dalle 12,00 alle 17,30
biglietto d’ingresso: € 7,50
tempo di visita: circa 1 ora



Con una bellissima facciata di marmo, la Basilica di Santa Maria Novella è una delle più belle della città e dà il nome al quartiere e alla piazza antistante.
È possibile visitare la chiesa nella sua interezza, comprese le cappelle affrescate, la Sagrestia ed il cimitero degli Avelli.
L’entrata comprende anche l’accesso al Chiostro dei Morti, il celebre Chiostro Verde, il Cappellone degli Spagnoli, la Cappella degli Ubriachi ed il Refettorio.

Abbiamo chiesto ad un amico di Firenze un posto carino dove fermarci a mangiare e lui ci ha consigliato di cercare il Mercato Centrale.


MERCATO CENTRALE
(Piazza del Mercato Centrale, Via dell'Ariento,Firenze)




Si tratta di un mercato coperto dove le bancarelle sono quasi tutte ristoranti che preparano cibo da mangiare sui tavoli distribuiti nel mezzo. Servizio veloce e buon cibo. Ci si mette solo un po' a trovare posto a sedere.
Ottimo posto per comprare prodotti culinari tipici fiorentini da portare in dono ad amici e parenti.

Nel pomeriggio ci siamo diretti verso PIAZZA DEL DUOMO con l’intento di entrare a visitare il DUOMO DI SANTA MARIA DEL FIORE di Firenze.
La coda per entrare era interminabile e abbiamo quindi deciso di ammirarlo solo dall’esterno per non perderci l’intero pomeriggio. Insieme al Duomo ci siamo lasciati alle spalle anche il BATTISTERO.





Abbiamo passeggiato fino ad arrivare in PIAZZA DELLA SIGNORIA ricca di palazzi e monumenti importanti come il PALAZZO VECCHIO, la LOGGIA DEI LANZI e la famosissima statua del DAVID DI MICHELANGELO, ma solo la copia perché quella vera è custodita nella GALLERIA DELL’ACCADEMIA.



Avevamo prenotato nei giorni precedenti la nostra visita presso gli Uffizi, ma prima, avendo ancora del tempo a disposizione, ci siamo recati nelle vie sul retro dove abbiamo potuto fotografare il famoso e bellissimo PONTE VECCHIO.


UFFIZI
(Piazzale degli Uffizi 6, Firenze)
apertura: mar-dom dalle 08,15 alle 18,30
biglietto d’ingresso: € 20,00 (+ € 4,00 per prenotazione online)
tempo di visita: 2-3 ore



Le sale della Galleria degli Uffizi ospitano una della collezioni di dipinti più ricche e famose del mondo.
La visita ha inizio al secondo piano e la mostra è organizzata secondo un ordine cronologico, dal XIII al XV secolo, e in base alle scuole cui appartengono le opere.
Il periodo meglio rappresentato è senza dubbio il Rinascimento italiano.
Un’intera sala è dedicata a Sandro Botticelli e qui potrete ammirare la celeberrima “Nascita di Venere”.
Un altro quadro da non perdere è la grande “Adorazione dei magi” di Leonardo da Vinci.

Usciti dagli Uffizi abbiamo deciso di tornare verso l’appartamento, per riposarci e prepararci per la cena, passando per un’altra importante piazza di Firenze: PIAZZA DELLA REPUBBLICA.


RISTORANTE PERSEUS
(Viale Don Minzoni 10,Firenze, telefono +39 055 588226)






Per iniziare abbiamo ordinato un po' di piatti tipici da condividere come la ribollita , la pappa al pomodoro e il classico tagliere con salame e crostini con patè di fegato. Era la prima volta che provavo ribollita e pappa al pomodoro e mi sono piaciute tantissimo! Poi abbiamo continuato ognuno ordinando il suo piatto e io ho preso la tagliata con i funghi porcini con contorno di funghi fritti.
I funghi erano speciali mentre la tagliata di manzo era buona ma tagliata a fettine sottili tipo rostbeef e di conseguenza si è raffreddata molto in fretta.
I miei amici sono rimasti molto soddisfatti dalla loro fiorentina come dal pollo al mattone.
Il locale è particolare con il banco della carne in vista e abbellito con frutta e verdura ovunque, l'ho trovato molto carino.
Il conto secondo me è nella norma per un buon ristorante specializzato in carne, in 7 abbiamo speso circa 45 euro a testa prendendo anche amari vino e caffè.


DOMENICA 20 MAGGIO 2018

Anche domenica mattina abbiamo iniziato la giornata facendo colazione nello stesso bar del giorno prima.
Caffè , brioche e succo di frutta (pagati carissimi!) e pronti via a visitare i Giardini Di Boboli.


Abbiamo camminato fino ad arrivare a PALAZZO PITTI, dove purtroppo abbiamo deciso di non entrare ma di andare a visitare solamente i Giardini Di Boboli perché eravamo ancora troppo stanchi dalla sera prima.

GIARDINI DI BOBOLI
(Piazza de' Pitti, Firenze)
apertura: lun-dom dalle 08,15 alle 18,30
biglietto d’ingresso: € 10,00 (comprende anche il MUSEO DELLE CERAMICA e I GIARDINI DI VILLA BARDINI)
tempo di visita: circa 1 ora





GIARDINI BARDINI
(Via dei Bardi 1/R, Firenze)
apertura: lun-dom dalle 08,15 alle 18,30
biglietto d’ingresso: € 10,00 (comprende anche i GIARDINI DI BOBOLI e il MUSEO DELLE CERAMICA)
tempo di visita: circa 1 ora




Questi bellissimi giardini sono indubbiamente il luogo che offre la migliore vista dall’alto su Firenze, in particolar modo quelli di Villa Bardini.
Sono splendidi e ben curati. Peccato non aver potuto vedere il glicine in fiore, con i suoi fiori violacei e Firenze sullo sfondo sarebbe stato un ottimo scatto fotografico!

Al rientro dai giardini ci siamo fermati per pranzo in un locale scelto a caso passando nella zona.

TRATTORIA MARIONE
(Via della Spada 27R, Firenze – telefono +39 055 214756)


E’ stato il buon profumo della cucina ad attirarci dentro al ristorante. Il locale ha un arredamento accogliente, molto informale e tipico da trattoria.
Abbiamo ordinato un tagliere di salumi, uno di crostini e le pappardelle al ragù di cinghiale, tutto davvero ottimo.

Al pomeriggio ci siamo recati verso una casa trecentesca mantenuta con lo stile e l’arredamento dell’epoca:

PALAZZO DAVANZATI
(Via Porta Rossa, 13, Firenze)
apertura: lun – ven dalle 08,15 alle 17,50 / sab – dom dalle 13,15 alle 18,50
biglietto d’ingresso: € 6,00
tempo di visita: circa 1 ora



Arredamenti e oggetti di vita comune di epoca medievale ben conservati , tutto molto interessante ma vi consiglio di prenotare la visita guidata.
Attenzione: gli orari indicati sui vari siti internet sono sbagliati! Noi lo abbiamo scoperto andando di persona al museo e trovandolo chiuso la mattina.
I nuovi orari sono quelli riportati qui sopra e sono stati messi in mostra sulla porta d'ingresso del Palazzo.


Dopo la visita al Palazzo Davanzati ci siamo recati nuovamente al Mercato Centrale per comprare qualche cibo tipico da portare a casa ma abbiamo scoperto che la domenica rimangono aperti solo i ristoranti del mercato e non le bancarelle al piano inferiore.
Ne abbiamo approfittato per rinfrescarci con qualcosa da bere e aspettare l’ora di andare in stazione a prendere il treno di ritorno verso casa.

Mi ricordavo bene, Firenze è proprio una bella città, c’è tanto da vedere e in soli due giorni abbiamo fatto tutto il possibile.
Mano a mano che passeggiavo per le sue vie, si ripresentavano nella mia mente ricordi più nitidi di quando ci ero stata anni fa.
Appena tornata a casa sono andata subito a cercare le foto scattate in precedenza e a confrontarle con quelle di questo weekend.
Firenze è sempre stupenda, più che altro sono io ad essere cambiata e soprattutto lo è la risoluzione delle fotografie che ho scattato.
Un consiglio generale che mi sento di darvi: in qualsiasi museo/chiesa o giardino entrate , tenetevi in tasca il biglietto finché non sarete fuori.
Sembra un consiglio stupido ma credetemi non lo è !
Magari senza pensarci lo buttate alla rinfusa in borsa o lo appallottolate e lo buttate via, peccato che vi chiederanno di esibirlo altre mille volte, all’entrata, durante il percorso e anche al momento dell’uscita.

Ecco, dopo questa perla di saggezza, vi lascio come sempre alcune delle foto più belle che ho scattato. Alla prossima!


  








e poi c'è questa foto che ho trovato in una vecchia cartella... trova le differenze!!!



mercoledì 2 maggio 2018

Prossime uscite in libreria: Maggio 2018

Buonasera lettori,
come sempre ho ricercato le novità in uscita nel prossimo mese.
Anche a Maggio ci saranno molti titoli interessanti ed io sto già pensando a quale tra questi leggere e recensire per voi...

03/05/2018
Il tatuatore - Alison Belsham (Newton Compton Editori)





Mami Mullins, una tatuatrice di Brighton, trova un corpo orribilmente scuoiato. Suo malgrado si trova costretta a collaborare con il detective Francis Sullivan, appena promosso, a cui è stato assegnato il caso. Da tutti gli elementi emerge quasi immediatamente un fatto: non si tratta di un omicidio isolato ma dell'opera di un serial killer. E il modus operandi dello svitato da catturare è agghiacciante: mentre la vittima è ancora viva, rimuove intere porzioni di pelle, presumibilmente tatuate. Questa pista porta Sullivan a credere che una come Mami, che conosce il mondo dei tatuaggi come le sue tasche, sia l'unica persona in grado di aiutarlo. Ma lei ha le sue ragioni per non fidarsi della polizia. Quando Mami riuscirà a identificare il prossimo bersaglio del killer, lo dirà a Sullivan o si metterà alla ricerca del "ladro di tatuaggi" da sola?


03/05/2018
Così crudele è la fine - Mirko Zilahy (Longanesi)


Clicca qui per acquistare il libro

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

03/05/2018
La treccia - Colombani Laetitia (Nord)


Clicca qui per acquistare il libro

INDIA. Smita è un’intoccabile; per sopravvivere, raccoglie escrementi a mani nude. Il suo è un mestiere che si tramanda di generazione in generazione, e che lei ha accettato, sopportando in silenzio. Ma sua figlia non seguirà le sue orme. No, lei andrà a scuola, imparerà a leggere e a scrivere, farà grandi cose. Per offrirle un futuro migliore, Smita sfiderà il mondo. ITALIA. Giulia adora lavorare per suo padre, proprietario dell’ultimo laboratorio di Palermo in cui si confezionano parrucche con capelli veri. Un giorno, lui ha un incidente e Giulia scopre che l’azienda è sull’orlo del fallimento. Ma lei non si scoraggia. Per salvare il laboratorio, Giulia guiderà una rivoluzione. CANADA. Sarah è un avvocato di successo. Sull’altare della carriera, ha sacrificato tutto: due matrimoni, il tempo per i figli e soprattutto per sé. Poi, però, nel bel mezzo di un’arringa, Sarah sviene e niente sarà più come prima. Per vincere la battaglia, Sarah dovrà scegliere per cosa vale la pena lottare. Smita, Giulia e Sarah non si conoscono, eppure condividono la stessa forza, la stessa determinazione nel rifiutare ciò che è toccato loro in sorte. Come fili invisibili, i loro destini s’intrecceranno indissolubilmente, dando loro la possibilità di vivere con orgoglio, fiducia e speranza.


08/05/2018
Divorare il cielo - Paolo Giordano (Einaudi)



La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

15/05/2018
#Ops - Elisa Maino (Rizzoli)



La scuola è finalmente finita! E ora si va verso Riccione! La crema solare, i locali sulla spiaggia, la musica e cantare a squarciagola fino all'alba, ma... Ops! Questa è un'altra storia! Per Evy, sguardo color nocciola, testa tra le nuvole e passione per la danza, lo scenario sarà ben diverso. Ad aspettarla, via da Milano e soprattutto a troppi chilometri dal mare, ci sono la nonna Lea, un concentrato di saggezza e crostate alla frutta, e Alice, vecchia amica dalla bellezza genuina, sempre convinta di non essere abbastanza. Tra i boschi Evy si imbatte in Chris, il lupo solitario che quando nessuno lo guarda ama tuffarsi nelle acque del lago, cristalline come i suoi occhi. Evy e Chris appartengono a due mondi diversissimi, ma hanno una cosa in comune: sono dei gran testardi, pronti a tutto per difendere i propri ideali. Lo scontro è assicurato e, come se non bastasse, in mezzo alla natura incontaminata non c'è spazio per la tecnologia. Esatto: nessuna connessione internet! Come sopravvivere a un'estate senza social? Senza poter chattare con gli inseparabili Leila e Jhonny, partiti per una vacanza da urlo? In vetta alla montagna dove ha trascorso l'infanzia, per la prima volta Evy alzerà gli occhi dallo smartphone: solo così troverà il coraggio di seguire il suo sogno, e scoprirà un panorama che non ha bisogno dei filtri di Instagram per essere perfetto.


17/05/2018
Eleanor Oliphant sta benissimo - Gail Honeyman (Garzanti)



Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: benissimo.
Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido, perché sto bene così. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate, la mia passione. Poi torno alla mia scrivania e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene. Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata dalla prigione. Da mia madre. Dopo, quando chiudo la chiamata, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.
E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.
O così credevo, fino a oggi.
Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E questo ha cambiato ogni cosa. D’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie stesse paure, e non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene. Anzi: benissimo.

29/05/2018
Aglio, olio e assassinio - Pino Imperatore (DeA)



Peppe Vitiello, soprannominato “Braciola” per il suo fisico tondeggiante, è il sovrano incontrastato della trattoria Parthenope, sul lungomare di Mergellina, dove dispensa buoni piatti e battute di un’arguzia fuori dal comune. Fra le mura domestiche, invece, subisce le angherie di sua moglie Angelina, una donna burbera e dispotica che lo ritiene un buono a nulla e gli impedisce persino di avvicinarsi ai fornelli. L’ispettore Gianni Scapece è appena stato trasferito nel nuovo commissariato aperto vicino alla trattoria, è un tipo solitario e ama la cucina non meno delle donne. Tra una risata e un bicchiere di vino, Vitiello e Scapece diventano amici, al punto che Braciola è ormai il confidente preferito del poliziotto. Quando un uomo viene trovato morto in circostanze bizzarre – vicino al corpo sono disseminati, come in una sorta di rituale, alcuni alimenti – Scapece decide di utilizzare l’intelligenza e le conoscenze gastronomiche di Vitiello per risolvere il caso. Il killer, infatti, non solo ha voluto firmare il suo crimine, ma provoca l’ispettore inviandogli ogni giorno piatti da lui cucinati: impepate di cozze, fritture di pesce, caponate...


29/05/2018
Il barbecue - Liane Moriarty (Mondadori)



La vita di Sam e Clementine è indaffarata ma felice. Hanno due bambine, Sam ha appena iniziato il lavoro dei sogni e Clementine sta preparando l'audizione della sua vita come violoncellista. Non c'è altro che desiderino oltre la loro magnifica esistenza. Clementine ha una cara amica dall'infanzia, Erika, a cui è sempre stata affezionatissima. Così quando Erika invita l'amica e il marito a una grigliata con i vicini, Tiffany e Vid, non c'è motivo per rifiutare. Soprattutto perché i due vicini hanno personalità ingombranti ed Erika ha bisogno di aiuto per affrontare la giornata. Due mesi dopo, Clementine e Sam non possono fare a meno di chiedersi: cosa sarebbe successo se non fossero andati a quella grigliata?

31/05/2018
La gemella sconosciuta - Jane Robins (Nord)



Callie e Tilda sono gemelle, eppure non si somigliano affatto. Callie è single, goffa e impacciata. Tilda invece ha tutto ciò che manca alla sorella: è più bella, più ambiziosa, più carismatica. È un’attrice di successo e ed è fidanzata con Felix, affascinante uomo d’affari. Insieme sono la classica coppia da rivista, invidiata da tutti. Persino da Callie. Almeno finché Callie non si rende conto che, negli ultimi tempi, Tilda è sempre più magra, rifiuta ogni proposta di lavoro, passa il tempo rintanata in una casa ormai irriconoscibile, dove il suo allegro caos ha lasciato il posto alla precisione maniacale di Felix: tutto è nuovo, ordinato e così asettico da far paura. E poi ci sono i lividi sulle braccia, le reazioni esagerate di Felix per questioni da nulla. Preoccupata, Callie cerca in Internet forum di sostegno alle vittime di uomini dispotici, manipolatori e violenti: le storie di quelle sconosciute le sembrano fin troppo familiari e Callie si convince che la sorella sia in pericolo. Deve proteggerla, a ogni costo. Ma come, se Tilda per prima non vuole farsi aiutare? Proprio quando Callie ha l’impressione che la situazione stia precipitando, riceve una proposta da una delle donne del forum, una proposta che potrebbe risolvere in un sol colpo i problemi di entrambe. E Callie accetta, sebbene sappia di star imboccando una strada da cui non potrà più tornare indietro, nemmeno quando capirà di aver commesso un errore imperdonabile…

31/05/2018
La devota - Koethi Zan (Longanesi)



La vita di Julie Brookman sembra perfetta: un fidanzato attento, genitori affettuosi e ottimi voti a scuola. Davanti a lei un futuro roseo. La vita di Cora, invece, è un inferno: prima un padre violento, poi un marito crudele e psicopatico che l’ha tormentata senza pietà fino a farle credere di essere poco più di una marionetta nelle sue mani, una moglie follemente devota. Per lei non sembra esistere una via d’uscita. Julie e Cora sono due donne agli antipodi. Ma una notte le loro strade si incrociano tragicamente. Rinchiuse nella stessa casa, dovranno imparare ad avvicinarsi e conoscersi per rimettere insieme i pezzi della loro vita e, forse, trovare un modo per liberarsi.

31/05/2018
Paradiso cercasi - Megan Maxwell (TRE60)



La vitale, esuberante Ana fa la fotografa in uno studio di moda a Madrid. E, un giorno, per caso, la sua macchina fotografica inquadra il volto di Rodrigo. Il feeling tra i due è immediato; la scintilla scocca all’istante ma… a smorzarla ci pensa subito lo stesso Rodrigo, che spiega di non essere libero, bensì legato a una top model (Ma è davvero felice? Chissà...) E a spegnerla del tutto arriva la scoperta che Ana è incinta. Una notte di passione con uno sconosciuto le è costata davvero cara. E adesso, che fare? Tenere il bambino e rinunciare per sempre a Rodrigo, all’uomo che potrebbe essere la sua anima gemella? Ci dovrà pur essere una soluzione! La porta verso la felicità dovrebbe essere aperta a tutti. Però, prima, bisogna trovarla. Insomma: Paradiso cercasi...