venerdì 1 marzo 2019

Recensione: Il matrimonio delle bugie - Kimberly Belle

Casa editrice: Newton Compton

Anno di pubblicazione: 2018
Nr. pagine: 350
Prezzo di copertina: € 12,00

Voto personale: ❤❤❤❤❤


"Dopo sette anni di matrimonio, Iris e Will sono il ritratto della coppia felice: vivono in una bella casa, hanno un lavoro appagante e stanno cercando di avere un bambino. Quando Will parte per un viaggio di lavoro in Florida, Iris non sa che il suo mondo perfetto sta per crollare. Quella mattina, infatti, un aereo diretto a Seattle precipita e tra i nomi delle vittime c’è inspiegabilmente quello di Will. Iris è sconvolta, ma è certa che si tratti di un errore. Perché Will avrebbe dovuto mentirle? Che cosa doveva fare a Seattle? E su cosa altro ancora potrebbe averle raccontato bugie? Se vuole davvero arrivare alla verità, Iris dovrà affrontare un’indagine disperata per scoprire che cosa si nascondeva sotto la superficie calma del suo matrimonio. Ma non ha idea delle conseguenze che tutto ciò potrebbe avere…"

_____________________

Iris e Will Griffith sono sposati da sette anni, sono ancora perdutamente innamorati l’uno dell’altra e sono una coppia così affiatata che non sanno neanche cosa sia la famosa crisi del settimo anno.
Iris è una psicologa della Lake Forrest Academy, la scuola più esclusiva della città frequentata dai figli dall'alta società di Atlanta, mentre Will è un mago dell’informatica impiegato alla AppSec.

Una mattina Iris si reca al lavoro in ritardo dopo aver salutato Will, in partenza per Orlando per presenziare ad una conferenza nel quale è stato invitato a fare da relatore.
Quando entra nel suo ufficio si accorge subito dell’agitazione della quale sono preda tutti gli studenti. 
È successo qualcosa di brutto.
Un aereo della Liberty Airlines in partenza per Seattle si è schiantato al suolo.
La fitta di panico che la coglie dura solo un attimo quando realizza che suo marito non poteva essere su quell'aereo dato che era in viaggio verso un’altra città.
Tuttavia cerca di chiamarlo senza riuscire a mettersi in contatto con lui e sono svariate le spiegazioni che la donna si profila nella sua mente per cercare di tranquillizzarsi.

“…Will fa fatica a dormire, forse sta schiacciando un pisolino. Senza contare la sua predisposizione a farsi distrarre da tutto; è il classico informatico incapace di concentrarsi su una cosa alla volta.
Me lo vedo a comporre il mio numero per poi dimenticarsi di far partire la chiamata. Me lo immagino all’hotel, intento a socializzare con i pezzi grossi della conferenza a bordo piscina, ignaro del telefono che gli vibra in mano. O forse ancora più semplice: gli si è scaricata la batteria…”

Qualche ora più tardi riceve una telefonata dalla Liberty Airlines e ciò che le comunica l’incaricata della compagnia aerea fa crollare completamente il suo mondo.

“Signora Griffith, sono Carol Manning. La chiamo per conto della Liberty Airlines. Ci risulta che lei è il contatto d’emergenza di William Matthew Griffith.
Signora, mi rincresce molto informarla che suo marito era un passeggero del volo 23 che questa mattina è precipitato durante il viaggio da Atlanta a Seattle. Si presume che nessuno a bordo sia sopravvissuto.”

Will è morto! 
E poi la verità le arriva dritta in faccia come uno schiaffo.
Will non stava andando ad Orlando.
Will era in viaggio verso Seattle.
Will le ha mentito.

Perché mai suo marito le avrebbe mentito?

Con il fratello, si reca a Seattle per cercare di scoprire la verità ma quello che troverà le distruggerà completamente tutte le certezze che aveva riguardo al suo matrimonio.
Suo marito a quanto pare non è la persona che lei pensava che fosse.
Tutto ciò che lei conosceva a proposito della sua famiglia, della sua infanzia, dei suoi studi, dei suoi amici e del suo lavoro si rivelerà essere tutto un’enorme bugia.

____________________

Questo libro mi è stato dato in prestito da una collega venuta a conoscenza della mia passione per la lettura.
A suo dire “Il matrimonio delle bugie” era un thriller fantastico, da leggere tutto d’un fiato.
Niente di più vero! Ho iniziato a leggerlo avendo già grandi aspettative che alla fine si sono confermate.
Mi ha sorpreso molto anche il modo di scrivere dell’autrice: salta quasi completamente tutte le parti lunghe e descrittive e molte volte noiose che di solito vengono messe per descrivere luoghi o persone.
Alcune conversazioni vengono addirittura tagliate per passare ad un altro capitolo nel quale la scena si svolge già in un momento successivo ed è la protagonista a svelare cosa è successo precedentemente grazie ai dialoghi con gli altri personaggi o grazie ai pensieri che costruisce nella sua mente.
Ciò non rende questo thriller confusionario anzi lo semplifica facendolo diventare leggero.
È così leggero che non hai bisogno di concentrazione per immaginarti cosa succede, sembra quasi di guardare un film e le immagini si susseguono davanti a te senza nessuno sforzo.
Ho terminato la lettura in tre serate, durante le quali dover per forza chiudere il libro per andare a dormire è stato una tragedia.
Alla mezzanotte e otto minuti della terza sera ero arrivata con le lacrime agli occhi e la bocca spalancata all'ultima riga di questo thriller.
L’ultima frase: colei che regala un colpo di scena mozzafiato a tutta la storia.
Non fate i furbi andando subito a leggere quell'ultima pagina! Comprate questo libro e lasciatevi coinvolgere/sconvolgere gradualmente da questa storia incredibile.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO:



2 commenti: