giovedì 15 agosto 2019

Crostini toscani (crostini con patè di fegatini)

E' da un po' di tempo che non curo più la sezione "Cucina" del mio blog e penso che sia arrivato il momento di riprendere a postare qualche ricetta ogni tanto.
In questi giorni ero a casa in ferie e volevo prendermi una pausa dagli articoli che stavo scrivendo sul mio viaggio in Giappone... che fare?
Cosa cucinare??
Ho ritrovato questa ricetta che mi aveva passato una mia collega di origini toscane e mi sono subito messa all'opera.
E' un po' laboriosa e servono quasi tre ore per farla ma in fondo ero a casa in ferie e di tempo ne avevo!!!

CROSTINI TOSCANI (per 6 persone)


Difficoltà: MEDIA
Tempo di preparazione: 3 ore
Tempo di cottura: 2 ore e 30 minuti

Ingredienti:
500 g di fegatini di pollo
200 g di carne trita finissima
1 cipolla rosata
4 filetti di alici
2 cucchiaini di capperi sotto sale
1 bicchiere di vino bianco
brodo q.b.
olio q.b.
burro q.b.

Procedimento:
Lavate bene i fegatini stando attenti a togliere il fiele (è una vescichetta che tinge di verde la parte di fegato a cui è appoggiata). La si deve togliere tagliandola via , insieme ad un po' di fegato intorno, con la forbice.

Versate in una padella una dose generosa di olio e due/tre noci di burro. Unite i fegatini e fate cuocere per un'ora a fuoco basso.


Con la schiumarola toglieteli dalla pentola e teneteli da parte.

Con l'aiuto del mixer tritate finemente la cipolla e fatela soffriggere nel liquido rimasto nella padella. (Io ho anche perso tempo a tritarla a mano...ahahah, mi sono ricordata di avere un nuovo mixer solo dopo aver finito!)



Dopo circa  minuti, aggiungete la carne trita e fatela cuocere per mezzora, a fuoco medio, frantumandola con l'aiuto di una forchetta in modo che durante la cottura non si agglomeri in pezzi grossi.
Aggiungete ogni tanto un po' di brodo per non far attaccare la carne alla padella e mescolate.


Nel frattempo, con il mixer, tritate finemente i fegatini in modo che diventino come un patè.

Passata la mezzora aggiungete in pentola anche i fegatini tritati.
Versate il bicchiere di vino bianco e fate sfumare.
Aggiungete anche due noci di burro, mescolate e lasciate cuocere per ancora un'ora a fuoco basso.
Se necessario aggiungete ancora un po' di brodo.


Verso la fine della cottura aggiungete anche il trito di acciughe e capperi.
Sarà questo che andrà a salare il composto per cui aumentate le dosi o diminuitele a seconda dei vostri gusti.

Terminata la cottura versate il paté di fegatini in un recipiente chiuso e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
Non mettete in frigorifero perché si seccherà tutto! Credetemi, io ho fatto questo errore.
Niente di irrimediabile comunque, basta scaldare ancora in padella con un po' di burro e si riprenderà.

Spalmatelo sul pane toscano, quello senza sale, e servite in tavolo come aperitivo o antipasto.

Nessun commento:

Posta un commento