domenica 4 agosto 2019

Escursione di un giorno ad Hakone con soggiorno in un ryokan


Dopo Tokyo, la seconda tappa del nostro viaggio di nozze era Hakone.
Aspettavamo con gioia questo momento perché avremmo passato la notte in un ryokan, un albergo tradizionale giapponese. Non vedevamo l'ora di fare questa esperienza!



GIOVEDI' 27/06/2019
Siamo arrivati alla stazione di Hakone-Yumoto verso le ore 16,00 del pomeriggio. Era una giornata nuvolosa e piovosa, tipica ad Hakone, per cui ci siamo fatti portare al nostro albergo da un taxi.

HAKONE PAX YOSHINO
(139-5 Yumotochaya, Hakone-machi, Ashigarashimo-gun 250-0312 Kanagawa Prefecture)



In una piccola città come Hakone questo hotel è abbastanza grande rispetto alla media. Alla reception il personale ti accoglie con la tipica gentilezza giapponese e ti spiega dettagliatamente tutti i servizi dell'hotel e le regole da rispettare per l'accesso agli onsen (le terme).
In ogni camera c'è un ingresso con un armadietto dove bisogna cambiarsi le scarpe ed indossare delle ciabatte messe in dotazione dall'albergo. Sia queste ciabatte che lo yukata vanno indossati per spostarsi all'interno della struttura. Nella propria stanza invece bisogna muoversi rigorosamente a piedi scalzi per non rovinare il pavimento in tatami (tradizionali stuoie in paglia di riso).
La camera è bellissima con le tipiche porte scorrevoli shoji in carta di riso, un tavolino basso al centro, qualche kakemono (stampa giapponese) appeso alla parete e una piccola veranda chiusa con un altro tavolino dove prendere il tè.

Pioveva molto all'esterno per cui abbiamo approfittato di questo pomeriggio per riposare.
Io sono rimasta a leggere in camera, a bere tè matcha e a sonnecchiare mentre Davide ha voluto provare l'onsen.
Per entrare in un onsen ci sono alcune regole che vanno rispettate.
Bisogna entrare completamente nudi (per questo motivo uomini e donne accedono a due aree distinte tra loro), lavarsi accuratamente con acqua e sapone in una grande anticamera prima di entrare nelle vasche termali, ma soprattutto non si può entrare se si hanno dei tatuaggi. O almeno nella maggior parte degli onsen funziona così. 

Per cena, compreso nel pacchetto, avevamo anche la cena tipica giapponese servita nel ristorante del ryokan. Si tratta di una degustazione di tanti piccoli piatti tipici, dagli antipasti con tofu, ai noodles freddi cucinati nel tè, dal sashimi, alla carne di kobe. Tutto molto particolare, buono, consumato in assoluto silenzio (o quasi) e accompagnato da tè matcha e saké.









VENERDI' 28/06/2019
Dopo aver fatto colazione al buffet del ryokan con piatti sia dolci che salati, tra cui riso e tartare di pesce, ci siamo diretti a Gora.
Da lì avremmo dovuto prendere l' HAKONE ROPEWAY per andare a vedere OWAKUDANI.
Owakudani è una vallata dal terreno roccioso e arido, coperta da sorgenti di acqua bollente e getti di vapore solfureo. La si può raggiungere facendo trekking in un percorso attraverso la montagna oppure passandoci sopra con la funivia, come avremmo dovuto fare noi.
Purtroppo, a causa dell'intensa attività vulcanica di quei giorni, l'Hakone Ropeway era chiusa.
Abbiamo così dovuto cambiare i nostri programmi e abbiamo optato per la visita al LAGO ASHI.

LAGO ASHI
(Hakone, Hakone-machi, Ashigarashimo-gun 250-0521 Kanagawa Prefecture)



In teoria dalle sponde di questo lago, durante delle belle giornate soleggiate, è possibile vedere il monte Fuji in lontananza.
Peccato che, da quello che ci hanno riferito, trovare delle belle giornate in questa località è davvero raro ed infatti il cielo non poteva essere più grigio di così.

Siamo poi andati a visitare un tempio abbastanza famoso che si trova sulle sponde del lago, HAKONE SHRINE o KUZURYU SHRINE SINGU.

HAKONE SHRINE/ KUZURYU SHRINE SINGU
(Hakone-machi, Ashigarashimo-gun 250-0522 Kanagawa Prefecture)





E' un tempio davvero carino, affacciato sul lago ed immerso nel verde della collina.
Se vi trovate in zona vale proprio la pena farci una visita.
Questo tempio è famoso più che altro per il torii galleggiante che si trova sulla riva del lago, all'inizio del sentiero che porta alla cima del santuario.
Per poter fare una foto sotto a questo torii abbiamo dovuto aspettare circa una trentina di minuti in coda, pazzesco!

Finita la visita al tempio abbiamo ripreso di nuovo i mezzi e siamo tornati al ryokan ad Hakone per ritirare i nostri bagagli e partire alla volta della prossima città: Kanazawa.



Clicca qui per continuare il viaggio insieme a me! (Kanazawa e Takayama)

Se invece ti sei perso la tappa precedente clicca qui:
Tokyo

Nessun commento:

Posta un commento