mercoledì 18 marzo 2020

Recensione: Tempi supplementari - Otello Marcacci

Casa editrice: Ensemble
Anno di pubblicazione: 2020
Nr. pagine: 362
Prezzo di copertina: € 13,60

Voto personale: 




"I tempi supplementari sono tempi di grazia, nel calcio come nella vita. Quando la superiorità dell'avversario è schiacciante si cerca di coprire la porta fino al fischio finale, e, nel frattempo, si spera: si spera di limitare la sconfitta facendo almeno un goal, si spera che un pallone cada in avanti, quanto basta da far partire l'improbabile contropiede di un mediano; si spera di resistere fino alla fine. E allora si va ai supplementari. Giacomo e i suoi amici vanno tutte le estati al mare in colonia, con le suore, nella pineta di Marina di Grosseto. Quando raccolgono la sfida dei ragazzi di un'altra colonia, inizierà una partita di calcio che durerà per cinquant'anni."


____________________

"La colonia del Cottolengo ci ha sfidati.. Hai capito? Quei filibustieri pensano di essere migliori di noi. Ti rendi conto?... Quindi tu adesso crei subito una squadra vincente e li sfidiamo e glielo facciamo vedere noi che cos'è la Stella Maris."

Una colonia di bambini nel 1975 sfida un’altra colonia in una partita di calcio. In ballo non c’è solo l’onore ma anche concezioni diverse della vita. La Stella Maris infatti è gestita da una suora che crede nell’integrazione del diverso ed ha accolto ebrei ed omosessuali al suo interno. Il Cottolengo segue invece le teorie più intransigenti della cultura cattolica più reazionaria. Uno scontro di culture prima che sportivo. Il romanzo segue poi le vicende di quei ragazzi anche a distanza di anni. Li ritroviamo quindi negli anni novanta per una rivincita ed infine ai giorni nostri per la partita definitiva.

____________________


Un libro che ha come tema quello del calcio. Non la mia classica scelta.
Non sapevo bene cosa aspettarmi dalla lettura di questo libro e devo dire che si è rivelata una piacevolissima sorpresa.
La lettura è molto gradevole e scorrevole e mi ha tenuto compagnia in queste giornate di #iorestoacasa.
Il calcio è solo l'involucro esterno e in realtà i temi principali sono l'amicizia e l'amore, in tutte le loro profonde sfaccettature.
Giacomo Boselli, il personaggio principale e voce narrante, è quello che più mi è entrato nel cuore. 
E' lui che viene scelto da Suor Maria per essere il capitano della squadra ed è lui che, in tutto il racconto, riesce a tenere insieme i suoi amici, gli altri componenti della squadra. 
Mi ha commosso il difficile rapporto che ha con i genitori e quello altrettanto complicato con la figlia, che lui ama incondizionatamente.
Mi è piaciuta molto anche l'ambientazione del racconto: la colonia durante i periodi di vacanza con le suore. Questo elemento è quello che più mi ha coccolato perché mi ha riportato alla memoria i racconti della giovinezza di mia mamma e delle mie zie, rendendomi il racconto più familiare.

Ho apprezzato moltissimo questo romanzo che è in grado di dare spunti di riflessione interessanti.
"Tempi supplementari" sarà in uscita il 25 marzo 2020. Se vi ho incuriosito, non esitate a cliccare sul link qui sotto per acquistarlo, non ve ne pentirete!


CLICCA QUI SOTTO PER ACQUISTARE IL LIBRO:



Nessun commento:

Posta un commento