domenica 25 dicembre 2016

Alberello di Natale (versione dolce)

Da giorni questa ricetta circola ovunque.. ho voluto provare a farla anche io!
E' molto semplice da preparare e l'effetto è straordinario! E' un'idea molto carina per proporre ai vostri amici e parenti un dolce diverso dal solito.
Io l'ho portata in ufficio per festeggiare il Natale con le mie colleghe!
 
ALBERELLO DI NATALE
 

 
 
Difficoltà: FACILE
Tempo di preparazione: 10 MINUTI
Tempo di cottura: 20 MINUTI
 
Ingredienti:
2 rotoli di pasta sfoglia rettangolare
nutella
latte
Smarties colorati
miele
zucchero a velo
 
 
Procedimento:
Stendete il primo rotolo di pasta sfoglia.
 
 
 
Spalmate la nutella su tutta la superficie.
 
 
Ricoprite con il secondo strato di pasta sfoglia.
 
 
 
Con l'aiuto di un coltello dategli la forma di un albero.
Non buttate via le parti in eccesso! Con delle formine e semplicemente tagliandoli in pezzettini più piccoli potrete ricavare altri dolcetti da cuocere in forno e mangiare a parte!
 
 
 
Ora, lasciando uno spazio nel mezzo, tagliate per orizzontale delle striscioline che saranno i rami del nostro alberello.
 
 
Attorcigliate i rami su se stessi.
 
 
Spennellate un po' di latte sulla superficie.
Infornate in forno ventilato a 180° per circa 20 minuti.
Una volta che la superficie sarà bella dorata il nostro alberello è pronto per essere sfornato.
Dovrete lasciarlo raffreddare completamente prima di metterci lo zucchero a velo e decorarlo.
 
 
Una volta raffreddato, spolverizzate lo zucchero a velo sulla superficie.
Fate gocciolare sopra un po' di miele, soprattutto sui rametti, ed infine applicate sopra al miele gli Smarties colorati che saranno le nostre palline di Natale.
Ora il nostro alberello è pronto da gustare! Buon Natale a tutti!!
 
 

martedì 20 dicembre 2016

Harry Potter e i doni della morte - J.K. Rowling

Casa editrice: SALANI EDITORE
Anno di pubblicazione: 2008

Nr. pagine: 701

Prezzo di copertina: € 23,00


Voto personale:



"Mi apro alla chiusura": è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui Harry Potter deve confrontarsi in questo ultimo, settimo libro. E la saga stessa, giunta alla sua conclusione, si apre a sorpresa su nuovi mondi, nel passato e nel futuro: getta la luce della meraviglia su dettagli, personaggi ed eventi che sembravano già noti, rivelandone segreti e significati profondi. Insieme a Harry, nella sua disperata ricerca della verità, un caleidoscopio di avventure apparentemente già vissute, piccoli fatti e grandi eventi, seguendo il filo della consapevolezza che si dipana e si acuisce in un crescendo di emozioni, colpi di scena, perdite e conquiste. La conclusione, piena di luce e vapore, sembra indurre a rileggere tutto dall'inizio, per arrivare a chiudere il cerchio. Mai gli interrogativi sono stati così tanti; mai come in questo ultimo volume si ha la piena soddisfazione di una risposta che vada oltre l'apparenza; mai come in questo episodio l'autrice dimostra la sua capacità di sorprendere i lettori, di alimentare un fuoco d'artificio che non cessa di ammaliare il lettore.
 
_________________________
 
 
Voldemort e i suoi Mangiamorte hanno trasferito il loro quartier generale nella villa dei Malfoy e si stanno a poco a poco infiltrando nel Ministero mettendo sotto la maledizione Imperius il Ministro e la maggior parte dei suoi dipendenti.

Harry sta per compiere 17 anni che nel mondo magico significa la maggior età e la protezione magica che lo proteggeva in casa Dursley sta per infrangersi.
L'Ordine della Fenice decide quindi di trasferirlo in un altro luogo più sicuro e di mettere in salvo anche la famiglia Babbana dei Dursley.
Quasi tutto l'Ordine viene a prendere Harry e con loro anche Ron, Hermione, Ginny e i gemelli Fred e George, Bill e Fleur.
Sanno che i Mangiamorte probabilmente li stanno aspettando all'esterno della casa perciò mettono in pratica un piano molto ingegnoso.
Con la Pozione Polisucco i ragazzi assumono tutti le sembianze di Harry e si dividono in coppie insieme ai combattenti dell'Ordine in modo da confondere i Mangiamorte che non sapranno più qual è il vero Potter.

Il piano però non è così infallibile e i ragazzi riescono a salvarsi per un pelo arrivando alla Tana feriti e malridotti.
George perde un orecchio e Malocchio Moody ed Edvige (la civetta di Harry) muoiono.

E' la sera del compleanno di Harry e il Primo Ministro arriva alla Tana per consegnare ad Harry, Ron ed Hermione ciò che Silente ha lasciato loro nel suo testamento.
Molto confusi i tre ragazzi accettano i doni che gli vengono consegnati: Ron un Deluminatore, Hermione il libro delle Fiabe di Beda il Bardo ed Harry il boccino d'oro della sua prima partita di Quidditch e la spada di Godrick Grifondoro, che purtroppo si trova ancora all'interno di Hogwarts, dove Piton è diventato il Preside.
 
 
Sicuramente Silente non li ha lasciati a loro senza uno scopo ben preciso, ma capire cosa nascondano questi oggetti non è semplice.

Alla Tana un altro lieto evento sta avendo luogo: il matrimonio di Bill e Fleur.
 
 
Il rinfresco finale viene però interrotto dall'arrivo dei Mangiamorte che costringono tutti alla fuga.
Harry, Ron ed Hermione si rifugiano nella vecchia casa dei Black dove scoprono che la sigla RAB indicata nella lettera di colui che ha rubato il medaglione/Horcrux non è altro che Regulus Arcturus Black, il fratello di Sirius.
Riescono a rintracciare il Medaglione che nel frattempo è finito nelle mani della Umbridge e sono quindi costretti ad infiltrarsi nel Ministero per recuperarlo.
Ci riescono ma sfuggono per un soffio alla cattura.

I ragazzi vagano nascondendosi  in luoghi sempre diversi proteggendosi sotto vari sortilegi scagliati con sapienza da Hermione.
Il medaglione contenente un pezzo di anima di Voldemort ha un effetto strano sui ragazzi, li rende aggressivi.
Per questo motivo Harry e Ron hanno uno scontro e Ron decide di abbandonarli.

Harry ed Hermione rimasti  soli scoprono che pochi elementi possono sconfiggere un Horcrux, tra questi il veleno di Basilisco e la spada di Grifondoro.
Silente ha sapientemente messo una copia della spada all'interno di Hogwarts, nascondendo l'originale.

Harry trova la vera spada di Grifondoro in uno stagno congelato dopo che un misterioso Patronus (scagliato da non si sa chi) gli ha indicato il luogo.
Harry si tuffa nello stagno per prenderla, ma il medaglione che porta al collo cerca di strangolarlo e di affogarlo.
Ron, che si è pentito ed è tornato dagli amici, salva Harry ed distrugge l'Horcrux.
 
 
 
Un altro mistero incuriosisce i ragazzi.
Continuano a trovare ovunque il marchio di Grindelwald e, sicuri che significhi qualcosa, vanno a casa del papà di Luna Lovegood per scoprirne di più.
 
 
Il Signor Lovegood racconta loro che quel simbolo in realtà è riferito ai tre doni della Morte (la bacchetta di sambuco, la pietra della risurrezione e il mantello dell'invisibilità) e all'antica storia di tre fratelli che li hanno posseduti.
Grazie ad una soffiata da parte di Xenophilius Lovegood, arrivano due funzionari del Ministero e i tre ragazzi sono costretti a scappare di nuovo.
 
Harry ha di nuovo una visione: Voldemort è alla ricerca della bacchetta di Sambuco e ha capito dove trovarla.
 
I ragazzi decidono quindi di concentrarsi sulla ricerca degli Horcrux e grazie all'aiuto di Unci-Unci , un folletto ex dipendente della Gringott, riescono ad infiltrarsi nella banca e a recuperare la coppa di Tassorosso nella camera blindata dei Lestrange e distruggere così un altro Horcrux.
 
 
 
Voldemort non sa che alcuni dei suoi Horcrux sono stati distrutti e decide di andare a controllare che siano intatti.
 
Harry, Ron ed Hermione corrono ad Hogwarts per cercare l'altro Horcrux appartenente alla casa di Corvonero: il diadema perduto di Priscilla Corvonero.
Ad aspettarli c'è un gruppo di Mangiamorte che cerca di imprigionarli ma i ragazzi vengono tratti in salvo da Aberforth, il fratello di Silente.
Nel frattempo Neville e gli altri studenti facenti parte dell'esercito di Silente si sono nascosti nella stanza delle necessità per sfuggire al controllo di Piton e dei suoi professori/Mangiamorte e accolgono all'interno della scuola Harry, Ron ed Hermione.
 
Harry viene sorpreso dai Mangiamorte , ma ci pensa la professoressa Mcgranitt a sconfiggerli e a mettere in fuga il preside Piton, che abbandona la scuola.
 
Mentre Ron ed Hermione sono spariti per recuperare un dente di basilisco nella Camera dei Segreti, Harry si precipita nella stanza delle necessità per prendere il diadema di Priscilla Corvonero.
Draco Malfoy e i suoi amici Tiger e Goyle cercano di impedirglielo ma grazie all'intervento di Ron ed Hermione, riescono tutti a fuggire e a distruggere anche questo Horcrux.
 
Voldemort e i suoi Mangiamorte arrivano ad Hogwarts e inizia la prima fase della battaglia che si conclude con alcuni morti , tra cui Fred, Lupin e sua moglie Tonks.
 
 
Harry, Ron ed Hermione sanno che Voldemort si trova nella stamberga strillante e vanno da lui per cercare di uccidere il serpente Nagini, l'altro Horcrux.
Assistono all'uccisione di Piton e, un attimo prima di spirare, il professore lascia ad Harry una boccetta con i suoi ricordi.
 
 
Harry corre così al Pensatoio e scopre che Piton è sempre stato innamorato di sua madre Lily e che ha sempre fatto il doppiogioco con Voldemort per cercare di proteggerlo.
Scopre anche che quando Voldemort ha cercato di uccidere Harry da piccolo ha involontariamente trasferito nel bambino una parte della sua anima, perciò Harry è un altro degli Horcrux e deve per forza morire per poter dare una possibilità ai suoi amici di uccidere il Signore Oscuro.
 
Il Signore Oscuro è nella foresta proibita e sta aspettando Harry, convinto che il ragazzo si consegnerà a lui per evitare un'altra strage di innocenti.
Harry a testa alta si avvicina a Voldemort, che lanciando un Avada Kedavra uccide il ragazzo...
 
 
 _________________________

Anche per questo libro ho dovuto fare un riassunto davvero stringato per cercare di non dilungarmi troppo.
Trovo che sia il finale perfetto di una saga mozzafiato.
Avevo visto solo alcuni dei film e non ero mai riuscita ad appassionarmi molto ad Harry Potter, ma ora che ho letto tutta la saga sono diventata anche io una Potteriana e non capisco come abbia fatto a stare tutti questi anni senza amarlo!
L'unico punto della storia che forse ho apprezzato di più nel film che nel libro, è lo scontro finale tra Harry e Voldemort.
Nel film quando i duellanti lottano, le due bacchette rimangono come legate tra loro dalla luce verde e rossa degli incantesimi che i rispettivi proprietari lanciano. 
Mentre nel libro quest'ultima scena si svolge molto più velocemente: Harry scaglia un incantesimo a Voldemort, la bacchetta di sambuco vola per aria e Voldemort cade a terra definitivamente morto.
Sì, se proprio devo criticare qualcosa del libro è questo punto, ma è proprio come cercare un ago in un pagliaio. Il libro e tutta la saga sono davvero spettacolari.
Ed ora che ho finito di leggerli come faccio a stare senza? 
Non mi rimane che leggere "Harry Potter e la Maledizione dell'Erede" per scoprire come continuerà la vita ad Hogwarts con una nuova generazione di maghi.
 

Nothing more vol.1 Dopo di lei - Anna Todd

Casa editrice: SPERLING & KUPFER
Anno di pubblicazione: 2016

Nr. pagine: 303

Prezzo di copertina: € 17,90


Voto personale:



"Nessuno è davvero innocente. Nemmeno Landon, il bravo ragazzo. New York, con i suoi grattacieli vertiginosi e la vita frenetica, è forse l'ultimo posto al mondo in cui Landon Gibson avrebbe immaginato se stesso. Eppure, quando la sua ragazza di sempre, Dakota, si trasferisce lì per studiare danza, decide di seguirla. Una nuova vita lo aspetta nella città che non dorme mai. Insieme però a un'amara sorpresa. Poco dopo il suo arrivo, infatti, Dakota rompe con lui. Per Landon è una doccia fredda. Ha sempre pensato che New York sarebbe stato l'inizio del suo futuro, non certo la fine del suo passato. Mentre ora deve trovare la forza di ricominciare, dopo di lei. Per fortuna al suo fianco, c'è Tessa, la sua migliore amica. Insieme condividono un minuscolo appartamento a Brooklyn e... il cuore spezzato. Anche se impacciato e un po' ingenuo, Landon è però bello, gentile, atletico e divertente, e non passa molto prima che nuovi occhi femminili si posino su di lui. Molte sorprese attendono il suo cuore. Ma trovare la propria strada non sarà facile perché l'amore, a volte, è un vero casino. Messo alla prova, Landon saprà confermarsi il bravo ragazzo, fedele, serio e perfetto, il "marito ideale" che tutti credono?"
_________________________
Landon e Dakota stanno insieme ormai da cinque anni.
Quando Dakota viene ammessa in un'importante scuola di danza di New York, i due ragazzi progettano di trasferirsi li insieme.
Dakota però, prima della partenza, ha dei ripensamenti sulla loro storia e decide di lasciare Landon per intraprendere una nuova vita da ragazza single.
Landon decide di trasferirsi comunque e di dividere un appartamento con la sua migliore amica Tessa, anche lei alle prese con una delusione d'amore.
Nonostante siano tutti e due a New York, Landon cerca a tutti i costi di non pensare alla sua ex e di mantenere le distanze da lei.
Ma Dakota ogni tanto appare con comportamenti un po' ambigui che lasciano a Landon qualche illusione.
Il ragazzo nel frattempo conosce anche un'altra ragazza per cui perde la testa: Nora, la sexy e bellissima amica di Tessa.
Una sera Nora lo invita ad uscire con lei e le sue coinquiline.
Landon si presenta all'appuntamento e scopre che Dakota è la coinquilina di Nora.
La sorpresa è tanta e la rabbia di Dakota lo è ancora di più.
Landon si trova così a dover scegliere: inseguire e riprendersi Dakota o continuare a vedere Nora e iniziare una nuova storia insieme a lei?

_________________________


Dopo aver letto tutta la saga di Harry Potter sul mio preziosissimo Kobo, sono finalmente tornata a sfogliare delle vere pagine di carta!!
Che bella sensazione poter mettere le pieghe alle pagine per tenere il segno e poter prendere appunti e sottolineare a matita, mi mancava tantissimo!
L'unico effetto collaterale è che, dopo quasi tre mesi ad usare il Kobo, mi viene istintivo cercare di cambiare pagina con il doppio battito del dito!!
Ma torniamo a parlare di Nothing More.
Mi è piaciuto? No.
Vale la pena leggerlo dopo essersi innamorati di After? Probabilmente no.
Ho dato a questo libro un punteggio basso perché di questa storia mi è rimasto nel cuore ben poco.
After era tutta un'altra cosa e a me era piaciuto moltissimo.
Ma soprattutto Hardin era un'altra persona, un altro carattere, un ragazzo su cui valesse la pena scrivere qualcosa.
Landon, nella saga di After, è il fratellastro di Hardin e il migliore amico di Tessa, un bravo ragazzo, paziente, altruista e abbastanza simpatico.
Landon in questo romanzo è un ragazzo insipido, uno sfigato e un mammone.
E' come se la Todd abbia cercato di raffigurarlo come il principe azzurro, un ragazzo assolutamente perfetto sotto ogni aspetto; il problema è che lo ha fatto diventare la caricatura di una donna e lo ha rovinato.
E' un personaggio sul quale, secondo me, non valeva la pena di scriverci un libro, figuriamoci una serie!

"La sera in cui mi ha chiamato per elencarmi tutti i motivi per cui la nostra storia non funzionava, ho continuato ad annuire all'altro lato del telefono e a dirle che capivo..."
Questa è il massimo della sua reazione quando Dakota lo lascia, e siamo solo ad inizio del libro.
Più avanti (ATTENZIONE SPOILER!!!) quando Landon, andando all'appuntamento, si trova davanti sia Nora che Dakota e quest'ultima gli fa una scenata pazzesca di gelosia dicendogli che non le va che lui esca con altre ragazze, lui abbandona Nora, insegue Dakota e le da praticamente ragione.
Ma stiamo scherzando?? E' stata lei a lasciare lui e soprattutto lei nel frattempo è andata a letto con altre persone.
Mi viene da ridere se provo a pensare a come avrebbe reagito Hardin al suo posto!

Insomma questo romanzo mi ha deluso.
Magari se non avessi letto After la penserei un po' diversamente.
Purtroppo non riesco a vederla come una storia a sé e a giudicarla come tale, mi viene sempre da fare il confronto.
Ho comprato anche il secondo libro e a questo punto voglio leggerlo perché spero di risollevare la mia opinione su questa saga.
Magari nel secondo Landon si darà una bella svegliata, chi lo sa...

lunedì 19 dicembre 2016

Tortino con porri e pancetta

Il tortino è un piatto "famoso" in casa mia, ogni tanto mi capita di riproporlo agli amici che si fermano a cena.
Solitamente lo preparo con semplice prosciutto e mozzarella e magari con il pomodoro, ma si possono aggiungere tutti gli ingredienti che la vostra fantasia vi suggerisce.
Io questa volta, grazie all'idea dei miei amici Alessia e Davide che hanno cucinato insieme a me, l'ho preparato con i porri e la pancetta. Un abbinamento molto gustoso!
 
TORTINO CON PORRI E PANCETTA
 
 
 
Difficoltà: FACILE
Tempo di preparazione: 20 MINUTI
Tempo di cottura: 20 MINUTI
 
Ingredienti:
pasta sfoglia rettangolare (1 rotolo= 2/3 tortini)
2 porri
qualche fettina di prosciutto cotto
1 conf. di pancetta a cubetti
panna q.b.
latte q.b.
 
Procedimento:
Pulite ed affettate i porri a rondelle.
 

 
In una padella versate un filo d'olio e fate abbrustolire la pancetta.
Unite anche i porri e fate cuocere a fuoco medio aggiungendo ogni tanto qualche cucchiaio di acqua per evitare di far attaccare alla pentola.
 
 
Quando i porri iniziano a sfaldarsi, dopo circa 15 minuti, significa che sono cotti.
Aggiungete quindi qualche cucchiaio di panna da cucina e lasciare cuocere ancora per un minuto.
 
 
Poi spegnete il fuoco e fate raffreddare per qualche minuto.
 
Prendete il rotolo di pasta sfoglia rettangolare e dividetelo in tre parti.
 
 
(La lunghezza del rotolo dipende dalla marca della pasta sfoglia. Può darsi che con quello di un'altra marca si riescano a ricavare solamente due tortini).
Riempite una metà del tortino con qualche fettina di prosciutto cotto. (Io in casa avevo quello affumicato).
 
 
Aggiungete anche il ripieno preparato in precedenza.
 
 
Ripiegate l'altra metà della pasta sfoglia e chiudete il tortino formando una specie di raviolone.
Ripiegate anche i bordi su se stessi e pigiate con i rebbi di una forchetta per non far fuoriuscire il ripieno.
Fate anche qualche buco sulla superficie del tortino con la forchetta.
 
 
Ora spennellate la superficie con il latte o se preferite con il tuorlo di un uovo.
Infornate in forno ventilato a 180° per circa 20 minuti.


sabato 10 dicembre 2016

Harry Potter e il principe mezzosangue - J. K. Rowling

Casa editrice: SALANI EDITORE
Anno di pubblicazione: 2006

Nr. pagine: 591

Prezzo di copertina: € 22,00


Voto personale:




"Harry Potter è solo, sconvolto e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: l'ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e a una determinazione diverse, più adulte. Ma quali sconvolgenti imprese lo attenderanno quest'anno?"
 
_________________________
 
 
Nessuno può più nasconderlo e far finta di nulla: Lord Voldemort è realmente tornato.
Dopo quanto successo all'interno del Ministero, Caramell è costretto a dimettersi e il nuovo Ministro Rufus Scrimgeour sale in carica in un momento che non potrebbe essere più disastroso.

Narcissa Malfoy (madre di Draco) e la sorella Bellatrix Lastrange chiedono a Piton di fare un patto infrangibile per proteggere Draco nella missione che il Signore Oscuro gli ha affidato e, nel caso il ragazzo non riesca a portarla a termine, dovrà essere il professore stesso a farlo.


Nel frattempo Harry Potter viene invitato a trascorrere le ultime settimane di vacanza a casa Weasley.
E' Silente stesso che si presenta dai Dursley per prendere Harry.
Ma prima di accompagnare il ragazzo alla Tana (casa Weasley), Silente lo porta a conoscere Horace Lumacorno, un ex professore di Hogwarts che dopo diversi tentativi del Preside, ha accettato di tornare ad insegnare.


Arrivato alla Tana tutti sono felici di rivedere Harry e di averlo come loro ospite, soprattutto Ginny.
Il giorno seguente, scortati da Hagrid, si recano tutti a Diagon Alley per acquistare il necessario per il nuovo anno scolastico e per far visita al negozio di Tiri Vispi di Fred e George Weasley.
Harry, Ron ed Hermione incontrano anche Draco Malfoy che, convinto di non essere visto, entra nel negozio di Magie Sinister a Notturn Alley.
I ragazzi lo seguono e grazie alle orecchie oblunghe riescono a sentire una parte del discorso tra Draco e il proprietario.
Capiscono che il ragazzo ha bisogno di riparare qualcosa e che il proprietario del negozio dovrà proteggere per lui un altro oggetto.

Sul treno per Hogwarts Harry prova a seguire Draco sotto il mantello dell'invisibilità per scoprirne di più ma Draco lo scopre e lo pietrifica.
Per fortuna Tonks, messa di guardia al treno, trova Harry e lo riaccompagna a scuola.

Al banchetto di inizio anno i ragazzi fanno una scoperta che proprio non si aspettavano: Piton è finalmente riuscito ad avere la cattedra di Difesa contro le Arti Oscure mentre il nuovo professor Lumacorno insegnerà Pozioni.
Harry non è per nulla felice di questo cambiamento perché Difesa contro le Arti Oscure era la sua materia preferita e avere Piton come insegnante sicuramente gli procurerà un sacco di grane.
Invece in Pozioni, materia nel quale era pessimo, comincia all'improvviso ad essere il primo della classe grazie ad un libro trovato nella dispensa appartenuto ad un certo "Principe Mezzosangue" che ha appuntato all'interno istruzioni precise su come realizzare i vari preparati magici.
Anche dopo varie ricerche, neppure Hermione riesce a scoprire chi fosse questo Principe Mezzosangue.


Harry per tutto cerca in svariate occasioni di pedinare Draco per scoprire le sue intenzioni, ma ottenendo scarsi risultati.
Scopre soltanto che Malfoy si nasconde ripetutamente nella Stanza delle Necessità, mettendo di guardia all'esterno Tiger e Goyle.




Silente invita Harry nel suo studio per delle lezioni private , durante le quali confida ad Harry tutte le nozioni importanti sul passato di Voldemort.
Attraverso il Pensatoio e grazie ai ricordi delle persone che lo hanno conosciuto, Silente ed Harry ripercorrono la vita di Tom Riddle: dalla sua infanzia fino all'arrivo a Hogwarts e alla sua presa di potere.


Un ricordo appartenuto a Lumacorno però è stato modificato dal professore stesso per nascondere ciò che realmente accaduto.
Silente affida ad Harry il compito di scoprire la verità.

Grazie alla Felix Felicis (o Fortuna liquida, una pozione in grado di portare fortuna a chi la beve) Harry riesce a convincere il professor Lumacorno a consegnarli il ricordo originale.
Silente ed Harry scoprono quindi che Tom Riddle/Lord Voldemort aveva chiesto ad Horace Lumacorno di spiegargli cos'è un Horcrux e se era possibile crearne più di uno ("per esempio sette").
Il Preside capisce quindi che quello che fino a quel momento aveva solo sospettato è verità: Voldemort ha nascosto pezzi della sua anima in sette Horcrux diversi.
Essi possono essere un qualsiasi oggetto e se distrutti possono annullare l'immortalità di Voldemort.
Due Horcrux sono già stati distrutti: il diario di Tom Riddle nella Camera dei Segreti e l'anello di Orvoloson Gaunt (il nonno di Tom Riddle) che è stato trovato e distrutto da Silente.
Uno pezzo dell'anima di Voldemort si trova nel suo stesso corpo perché è quello che gli ha permesso di tornare in vita.
Ne mancano quindi altri quattro da distruggere.

Il Preside ha scoperto dove si trova uno di questi (il Medaglione di Salasar Serpeverde) e chiede aiuto ad Harry per trovarlo e distruggerlo.
L'impresa non è semplice e i due rischiano seriamente la vita perché questo Horcrux è protetto da magie oscure pericolosissime.


Al ritorno da questa pericolosa avventura Silente è quasi completamente privo di forze, ma deve riprendersi in fretta perché la scuola è in pericolo.

Draco Malfoy ha riparato l'Armadio Svanitore nascosto nella Stanza delle Necessità e , tramite l'armadio gemello nel negozio di Magie Sinister, ha fatto entrare i Mangiamorte nella scuola.
Harry e Silente volano fino alla torre di Astronomia.
Il Preside, avvertendo il pericolo, immobilizza e nasconde Harry.
Draco Malfoy, con alcuni Mangiamorte al seguito, disarma Silente e si dichiara pronto ad ucciderlo.
Interviene Piton che scaglia l'Avada Kedavra e inaspettatamente uccide il Preside di Hogwarts al posto di Draco.
Albus Silente precipita nel vuoto fuori dalla torre di Astronomia e i Mangiamorte, insieme a Piton e a Draco scappano fuori dai confini della scuola.





Prima di sparire Piton rivela ad Harry, che lo ha inseguito per tentare di ucciderlo, che era lui il Principe Mezzosangue e che il libro con il quale ha studiato Pozioni tutto l'anno era appartenuto a lui.


_________________________


Sono arrivata alla scena finale in stato di shock perché gli ultimi film ammetto di averli guardati a pezzetti (non so perché!) e la morte di Silente me l'ero proprio persa.
Non me l'aspettavo e sono rimasta in lacrime e senza parole.
Ho trovato il libro davvero spettacolare, diverso in molti punti rispetto al film, chiaramente per risparmio di tempo alcune scene sono state tagliate.
Ormai questo confronto tra libro e film è diventato per me obbligatorio perché mi permette in qualche modo di fare poi una recensione completa non solo per il blog ma anche nella mia testa.
Mi piace molto "controllare" che quello che mi sono immaginata nella mia mente leggendo, corrisponda poi alla trasposizione cinematografica del racconto.

Finalmente Ron, Hermione, Harry e Ginny hanno rivelato i propri sentimenti.
Era da molto che tifavo per loro, era ora!
Ho trovato piacevole il modo in cui la Rowling ha deciso di inserire le gelosie tra questi personaggi e le varie vicissitudini amorose che accompagnano questo libro come intermezzo per spezzare un racconto altrimenti così carico di tensione.
Immagino invece che d'ora in avanti, dopo la morte di Silente e l'inevitabile scontro che ci sarà contro Voldemort, il racconto dell'ultimo capitolo della saga non potrà essere poi così festoso.
Cosa ne sarà di Hogwarts senza la guida di un Preside tanto saggio e potente?
E come farà Harry a trovare e distruggere tutti gli Horcrux rimanenti?
Ce la farà, sono sicura che ce la farà..
Ma sono ansiosa di scoprire come!
Quindi corro a leggere l'ultimo libro: Harry Potter e i doni della morte.
 

mercoledì 7 dicembre 2016

Vellutata di patate e zafferano

Questa vellutata è veramente semplice e veloce da preparare.
Ricordatevi che più tagliate a pezzetti piccoli le patate e più cuoceranno in fretta.
Il sapore dello zafferano è squisito! Buon appetito!
 
VELLUTATA CON PATATE E ZAFFERANO (per 4 persone)
 

 
Difficoltà: FACILE
Tempo di cottura: 40 MINUTI
 
Ingredienti:
4 patate
olio q.b.
aglio q.b.
800 ml di brodo
sale e pepe q.b.
1 bustina di zafferano
 
Procedimento:
In una pentola capiente fate rosolare le patate tagliate a cubetti con un filo d'olio e una spolverata di aglio in polvere.
 
Aggiungete anche il brodo, aggiustate di sale e pepe e cuocete per circa 40 minuti.
 
Una volta che le patate saranno ben cotte, frullate il tutto con un mixer e aggiungete la bustina di zafferano.
 
Mescolate, decorate a piacimento e servite la vellutata ben calda.
 
 

domenica 4 dicembre 2016

Harry Potter e l'Ordine della Fenice - J.K. Rowling

Casa editrice: SALANI EDITORE
Anno di pubblicazione: 2003

Nr. pagine: 807

Prezzo di copertina: € 24,00


Voto personale:


Quindicenne alle prese con improvvisi scoppi d'ira, la voglia di cambiare il mondo e le prime, cocenti, passioni amorose, Harry Potter sta per tornare alla Scuola di Alta Stregoneria di Hogwarts, dove frequenterà il quinto anno. Già infastidito dalle noie adolescenziali, il ragazzino è reduce da una noiosa estate con gli spregevoli Dursley e non vede l'ora di tornare alla movimentata vita degli apprendisti maghi. E, di certo, le avventure non mancheranno... Tessendo un'altra stupefacente trama, Joanne K. Rowling, questa volta dà voce alle inquietudini dell'adolescenza, mettendo in guardia contro la stupidità del potere e di chi lo usa per combattere il talento, il coraggio, la fantasia e la diversità.
 
_________________________
 
 
 
Harry sta passando una tremenda estate a casa dei suoi zii Dursley, lontano dai suoi amici.
Durante tutte le vacanze non ha più nessuna notizia da Ron, Hermione e Sirius e nessuno in giro parla del ritorno del Signore Oscuro, cosa che invece dovrebbe suscitare scompiglio e terrore.
Una sera mentre si trova a girovagare vicino a Privet Drive, due Dissennatori aggrediscono lui e il cucino Dudley.

 
Harry li mette in fuga e riporta a casa Dudley in stato di shock e zio Vernon, dando ovviamente la colpa di tutto ad Harry , lo vuole cacciare di casa.
E' stranamente zia Petunia a difenderlo e ad impedire che Harry lasci la loro casa, questo dopo aver ricevuto una misteriosa Strilettera.
 
 
Harry rimane in casa Dursley, confinato nella sua camera.
Rimasto in casa da solo Harry sente un grande baccano nell'ingresso della casa, qualcuno lo sta cercando.
Sono Malocchio Moody, Lupin e altri maghi venuti a prendere Harry e a portarlo in salvo nel quartiere generale dell'Ordine della Fenice (la vecchia casa dei Black), un ordine istituito da Albus Silente per sconfiggere Voldemort e i suoi Mangiamorte.

 
 
Harry trova ad aspettarlo anche Hermione, Ron e tutta la famiglia Weasley.
Scopre da loro che il Ministro della Magia Cornelius Caramell ha smentito ufficialmente la notizia del ritorno di Voldemort.
Caramell si è convinto che Silente voglia creare scompiglio con questa notizia per prendere il suo posto a capo del Ministero e che per farlo starebbe creando un esercito di maghi pronti a sostenerlo e a combattere per lui.
Infatti cerca in tutti i modi di far apparire Harry e Silente come due pazzi farneticanti che si sono inventati tutto per attirare attenzione e cerca in tutti i modi di allontanare Silente dalla scuola ed insieme a lui tutti quelli che sembrano essergli troppo fedeli.


 
Nel frattempo Harry, accusato di aver usato la magia fuori da Hogwarts, viene assolto al processo grazie all'intervento di Albus Silente che fa ragionare la giuria sottolineando come Harry sia stato costretto ad usare la magia per difendersi dai due Dissennatori e trovando un testimone che confermi l'accaduto.
 
 
Ad Hogwarts c'è una nuova professoressa di Difesa contro le Arti Oscure, è Dolores Umbridge, impiegata al Ministero della Magia.

 
La professoressa Umbridge si è chiaramente infiltrata nella scuola su ordine di Caramell per controllare l'operato di Silente e dei suoi professori.
La nuova docente stabilisce infatti che la sua materia vada studiata solamente sui libri e non praticando la magia, proprio perché secondo lei e secondo il Ministero della Magia non c'è nessun pericolo e gli alunni non sono tenuti ad imparare a difendersi.
 
 
E' per questo motivo che Harry, Ron ed Hermione creano l'ES (Esercito di Silente) un gruppo che si riunisce in segreto per esercitarsi sugli incantesimi di attacco e di difesa.
Il gruppo è formato da circa una ventina di alunni, tutti sostenitori di Harry, che credono alle sue parole e al ritorno di Lord Voldemort.


 
 
Con la professoressa Umbridge la scuola diventa presto un inferno, soprattutto dopo essere stata nominata (dal Ministero della Magia) Inquisitore Supremo.
Harry, Fred e George (i fratelli di Ron) vengono squalificati a vita dalla squadra di Quidditch.
Tutti i professori vengono messi sotto esame e alcuni di loro, come la professoressa Cooman, vengono licenziati e cacciati di Hogwarts.
E in tutto questo gli alunni del quinto anno si preparano per affrontare gli esami del G.U.F.O.
 
Hagrid che, all'inizio dell'anno scolastico, mancava da scuola è da poco tornato e confida ad Harry e ai suoi amici Ron ed Hermione di essere stato in missione per l'Ordine della Fenice a cercare i giganti per convincerli a stare dalla loro parte quando ci sarà la battaglia contro il Signore Oscuro, ma di avere fallito miseramente.


 
Harry nel frattempo continua a fare strani sogni molto realistici.
Una notte si sveglia in preda al panico dopo aver sognato che il Signor Weasley era stato aggredito da un grosso serpente.
La cosa più terrificante è che Harry nel sogno era il serpente e che il Signor Weasley è stato aggredito veramente ma per fortuna salvato in tempo dai membri dell'Ordine, dopo che Harry li aveva avvertiti.
 
Silente capisce che Harry e Lord Voldemort sono in qualche modo collegati attraverso le loro menti e che questo non possa portare nulla di buono.
Obbliga pertanto Harry a prendere lezioni private di Occlumanzia con il professor Piton per imparare a spezzare questa pericolosa connessione.


 
Harry però non fa grandi progressi, anzi scopre (attraverso un sogno) che Voldemort e i suoi Mangiamorte stanno cercando un'arma misteriosa che l'Ordine della Fenice cerca di proteggere a tutti i costi.
E quasi ogni sera vede se stesso, attraverso gli occhi di Voldemort, entrare in una stanza del ministero per cercare di prendere l'arma.
 
Tutto va di male in peggio, Silente è costretto a fuggire da scuola e a lasciare la sua carica di preside per aver difeso Harry dopo che la Umbridge ha scoperto le riunioni segrete dell'ES.
Ovviamente è Dolores Umbridge a diventare la nuova preside della scuola.
 
Harry fa un altro sogno nel quale Sirius viene torturato da Voldemort e vuole cercare di scoprire se è vero mettendosi in contatto con il suo padrino "viaggiando" attraverso l'unico camino non sorvegliato: quello nell'ufficio della preside.
Ron, Ginny e Luna Lovegood creano un diversivo per spingere la Umbridge fuori dal suo ufficio, dando così la possibilità ad Harry e Hermione di intrufolarsi dentro.

 
La Umbridge però non ci casca e sorprende i ragazzi con le mani nel sacco.
Completamente fuori di testa, li mette sotto interrogatorio minacciando addirittura di torturarli ed Hermione messa alle strette si inventa una scusa.
Le racconta che effettivamente stavano cercando di mettersi in contatto con Silente (senza però sapere dove si trova) per avvisarlo che l'arma che lui ha chiesto loro di preparare per combattere il Ministro Caramell è pronta.
Hermione ed Harry conducono la Umbridge nella Foresta Proibita per farle vedere quest'arma (che in realtà non esiste) e la professoressa viene aggredita e rapita dai centauri.

 
 
Sirius però è davvero in pericolo e i ragazzi si precipitano al Ministero della Magia, in piena notte, per cercare di salvarlo, non sapendo però di finire nella trappola che i Mangiamorte hanno preparato apposta per Harry....



 
_________________________
 

Era un libro davvero lunghissimo e mi è stato impossibile fare un riassunto più corto di quello sopra!
Credetemi, ho già eliminato un sacco di parti che avrei potuto spiegare meglio e già così mi sembra di avere fatto un torto a questo capolavoro di romanzo.
Perché secondo me è davvero un capolavoro!
Altro che la storiella quasi infantile, anche se già molto bella, del primo Harry Potter e la Pietra Filosofale.
E' pieno di colpi di scena!
Ma chi se lo aspettava che Cornelius Caramell arrivasse a mettersi contro Silente ed Harry, dopo averlo così difeso nei libri precedenti?!
E che dire di Piton? Ecco finalmente spiegata l'avversione che il professore prova nei confronti del padre di Harry.
Devo dire che in questo libro mi sono trovata a simpatizzare un po' di più per lui che per James Potter.
Ma quello che mi ha scioccato più in assoluto è stata la morte di Sirius, uno dei personaggi che più ho amato nei libri precedenti!

Ormai, a questo punto della storia, Lucius Malfoy e gli altri Mangiamorte non possono più nascondere la loro fedeltà al lato Oscuro.
Lord Voldemort è davvero tornato e lo scontro tra bene e male si fa sempre più vicino.
Per cui non ci rimane che continuare a leggere i prossimi due libri!!